domenica 22 gennaio 2017

Dicembre 2014. Venezia. L'ultima notte dell'anno.


Dicembre 2014. Venezia. L'ultima notte dell'anno. Non ci potevo credere: mi accorgo che non avevo lasciato alcun appunto su questa cena. Affettuosa, felice, con doni, con baci sotto il vischio, preceduta da uno stare insieme tutto il giorno con cicchetti e ombre, in giro per la città. Poi dopo brevi soste casalinghe a ricomporci e cucinare, quando si avvicinò la cena Nunchesto sciorinò sul letto i bicchieri da regalare alle dame e mi chiamò per incartarli, il vino venne messo a respirare, il davanzale della finestra fece da frigorifero, il piccolo albero di Natale di vetro rosso fu portato qua e là con la sua gonnella di luci per fare festa. Io mi adoperai intorno a un monumento, un Koulibiak di salmone - un piatto mezzo russo e mezzo francese dalla storia interessante - per vestire il quale mi ricordai delle croci di certi bellissimi pani di Natale greci. Insomma, fu proprio come si poteva sperare; nel tempo e con gli amici ci siamo attrezzati ad affrontare la temibile ultima sera dell'anno.  Menu: Koulibiak di salmone; Arrosto con le nocciole come nelle Langhe; Verza con la cannella; Lenticchie; Insalatina; Torta al burro; Fugasa veneziana (chi non la conosce e insegue solo panettoni non sa cosa si perde); Cachi alla grappa.


Koulibiak di salmone accompagnato da uno squisito yogurt

Arrosto con le nocciole come nelle Langhe portato da Ida

Verza con la cannella cucinata da Posonetta e Cornucopio


Lenticchie
 
Insalatina

Torta di burro ligure, capolavoro di Ida, anche nel farne un preciso parquet


Fugasa veneziana

Cachi alla grappa



























Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...