martedì 13 dicembre 2016

Cappucci acidi o Capusi garbi



Cucurbita e Maria Stelvio, La cucina triestina.

In tegame di ghisa o di coccio rosolare 100g di lardo affumicato battuto

Soffriggervi  2 cucchiai di farina, 2 spicchi d'aglio ridotti in crema, del cumino dei prati, o kümmel.

Aggiungervi  1 kg di cappucci acidi, un po' di acqua calda, una foglia di alloro, pepe, sale.

Far stufare per due ore.

Cucurbita ha aggiunto un po' d'aceto di vino rosso e delle mele a tocchi. 

Stelvio: "Prolungare la cottura o riscaldarli li rende più saporiti. I tedeschi dicono che questa pietanza è buona quando è stata riscaldata almeno sette volte."
 
Note di MS: Assieme ai cappucci si possono far cuocere salsicce e carne porcina. Ci stanno bene due patate lessate separatamente e schiacciate, si possono servire con patate fritte e gnocchi di pane. Se vanno con un arrosto di maiale si condiscono con quel sugo e nient'altro.

Nel menu di  Dicembre 2008. Venezia. Un ultimo dell'anno quasi goriziano a casa dei Daini. 

Isolina li tratta invece così, con il sidro: Dicembre. I crauti acidi o capuzzi garbi dell'infazia dalmata per una cena dal sapore affumicato


2 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

i capuzi garbi sono un grande piatto della cucina triestina, grazie per averlo postato !

artemisia comina ha detto...


Chiara, ho appena comperato il libro di MS, ti chiederò consigli!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...