sabato 27 febbraio 2016

Caldo e freddo alla rustica, radicchio con pasta e fagioli

 
Artemisia fa una ricetta di Giuseppe Maffioli, La cucina trevigiana 1983.

Condire il radicchio normalmente con sale, aceto, olio d'oliva, pepe, e spartirlo nelle tazze di ogni commensale, versando poi sopra di esso della pasta e fagioli (o della zuppa di fagioli) bollente.

Condire con una croce d'olio di oliva e con altro pepe di mulinello, dinanzi al commensale.

Nota di A.: il rapporto radicchio/pasta e fagioli non deve essere a vantaggio di quest'ultima; meglio metà e metà. Tagliare il radicchio in modo tale che entri comodamente nel cucchiaio, senza  distruggerlo, ma anche senza costringere il commensale a fare la capra. Una volta ho usato il tardivo, un'altra quello di Verona (mezzo cespo per 4).

2 commenti:

qbbq ha detto...

ottima cosa. io spesso adotto questo approccio anche con altre verdure: porri tagliati fini, spinaci freschi stropicciati, finocchi al velo pomodorini ecc... poi verso mestolata di qualche cosa di bollente ecc....(mi ricordo di un brodo vegetariano, di fatto un aigo boullido provenzale, versato su fetta di pane tostato, finocchi al velo, ricotta.... eccezionale) ciao. stefano

artemisia comina ha detto...

ottime idee, anche il contrario rende: per esempio sotto crema di crescione e sopra insalatina di crescione....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...