giovedì 22 gennaio 2015

Dicembre. Venezia. La cena del 28, con la bondiola.






Dicembre 2014. Venezia. La cena del 28, con la bondiola. Mi pare che è qui che abbiamo cominciato con le cene, passando per capodanno e finendo il due gennaio. Si è capita subito l'aria che tirava quando Nunchesto il 28 ha comperato, come se niente fosse, una Bondiola: non un ritiro spirituale in attesa del cenone, ma una sequenza più o meno pericolosa. 

La bondiola era stata tra gli apprezzati protagonisti del capodanno 2012; squisitissima, da una bottega del magnificiente mercato di Padova, con il lengual; questa non ne raggiungeva la qualità, ma restava soave. Polenta, Baccalà mantecato, piccoli Dolci tra cui certe Nonettes digionesi (piccoli pain d'épices con una goccia di marmellata, invenzione di suore di cui resta il nome) e cassatine, strudel e dolcetti al cioccolato veneziani. Dopo la sbronza di giochi natalizi romani, a Venezia abbiamo affidato tutto a un piccolo albero di vetro e a una ghirlanda di lucette, che ci siamo portati appresso di stanza in stanza.
















Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...