sabato 6 settembre 2014

Faraona con prugne fresche e cannella




Di Artemisia

Al mercato di Rialto trovo mezza faraona,  coscia e petto. Divido l’una dall’altro. Spiumare bene, poggiare su ogni pezzo due foglie di salvia, spolverare di cannella e noce moscata in polvere. Avviluppare con due fette di lardo sottili ogni pezzo. 

Poggiarli in una teglia che li contenga quasi senza altro spazio e farci su un giro d’olio d’oliva. Pepe nero appena macinato, poco sale (il lardo è salato). 

Spaccare a metà o in quarti, a seconda della grandezza, delle prugne fresche mature ma sode e denocciolarle; in una padella con appena un velo d’olio d’oliva farle cuocere finché morbide ma non disfatte, direi tendenzialmente rosolate. Condirle con un filo di miele. Tenerle da parte.

Mettere a cuocere la faraona in forno già caldo a 180/200°; dopo un’ora, aggiungere torno torno le prugne, far cuocere ancora mezz’ora. 

Servire con un pilav curcuma-anice stellato.

Per l'occasione Nunchesto stappò un Amarone Masi 2008.


2 commenti:

la belle auberge ha detto...

Mi piacciono queste ricette con dosi da tête-à-tête e approvo anche la scelta dell'Amarone Masi ;)
Un abbraccio
Eu
PS circa tre settimane fa, ti scrissi per ringraziarti degli auguri di buon ferragosto. Temo che il sistema possa aver cestinato la mail, che prevedeva un allegato (nostra foto-cartolina da Sintra). Oppure non usi piu' quell'inidirizzo (il tuo nome e cognome@fastweb.net)?

artemisia comina ha detto...

cara eu, finora i post sono andati in automatico :) rientro adesso, e adesso vedo le email.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...