venerdì 9 settembre 2011

Coniglio al limoncello


Di Artemisia

Mettere a rosolare un coniglio, a pezzi, in una pentola di coccio nella quale stia "giusto", con scalogno e olio d'oliva. Salare. Rigirarlo finché non è dorato su ogni lato.

Dimenticarlo, a fuoco molto basso.

Ricordarselo all'improvviso, proprio mentre sta per attaccarsi (circa mezz'ora dopo).  Afferrare convulsamente la bottiglia di limoncello che per caso è lì accanto, e versarne dei gran sorsi (tre o quattro, abbondare) che saranno man mano assorbiti, mentre si gira e si staccano i succhi caramellati dal fondo della pentola.

Servire spolverando di pepe nero macinato al momento, e scoprire che è ottimo.

PS: ho fatto la cronaca vera del piatto; voi potete procedere con più previsione e senno.

PPS: l’amica Puddin, che l’ha provato, ha fatto delle modifiche e dice: ricetta provata su due carrè di bestiole, salate, pepate e agliate per benino. Forno a 230° preriscaldato, bestiole tagliate a grandi tocchi e dopo aver messo le spezie ecc., ci ho versato i tre sorsi di limoncello (più una gollata per la cuoca) e dentro al caldo. In 40 minuti erano perfetti, croccanti e dolci-agri.

*************************
Aggiornamento dicembre 2015





Torno a scrivere e cucinare al tempo stesso, coniugando tutto sul tavolo di cucina.

7 commenti:

acquaviva ha detto...

sì sì, voglio proprio farlo alla tua maniera!

giulia pignatelli ha detto...

no no... se lo faccio provo senza alcun criterio, come è stato per te ;))) Voglio riprodurre il colpo di genio !!

artemisia comina ha detto...

:DDD

isolina ha detto...

Lo voglio fare!!! Qui il coniglio piace molto, anzi moltissimo e questo modo di accomodarlo incuriosisce per davvero.

artemisia comina ha detto...

isa, non hai detto se lo rifai con lo stress o senza!

isolina ha detto...

Assolutamente con lo stress, è il mio genere!

L'acqua 'dorosa ha detto...

Geniale... non mi sarebbe mai venuto in mente! E sono anche curiosa di capire che gusto ha... provo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...