sabato 14 gennaio 2012

Ma che bontà la minestrina!


Da Isolina

Dopo giorni e giorni di dilettevoli pasti soprattutto del sud ovest e messicani, alquanto ricchi e molto frittosi ci voleva qualche cosa di gentilmente leggero, digeribile, non impegnante. Potrei chiamarla la minestrina di Francesca, perchè fu questa cara amica che non c'è più a insegnarmela. Una minestrina che lei faceva per sua figlia Maddalena allora piccola e che si fa con quasi niente, con quello che si ha, essenziali solo patata e cipolla e magari e anche la pastina.

Questa la mia versione di ieri:

una cipolla rossa grossetta, due patate medie, due gambotti di sedano, mezzo finocchio. Il tutto a tocchetti. Poi un peperoncino, due grossi spicchi d'aglio, due strisce di scorza d'arancia, due foglie di alloro.Tutto nel pentolino, acqua a coprire, sale e si fa bollire per una mezz'oretta.

Avrei dovuto togliere peperoncinio e alloro e poi frullare, ma dimenticai e frullai tutto. Poco male, anzi.

Poi ci metto i grattini, cioè la mia pastina favorita e porto a cottura.

Un pizzico di curcuma all'ultimo momento perchè è medicinale e mi piace.

Nella ciotola una bella spolverata di parmigiano e un tocchetto di burro.


Divinamente consolante, corroborante, riscaldante...

2 commenti:

Puddin ha detto...

diciamo una minestrina poca comune e mi sa mooolto buona! Bentornati dal Far West! P

Giuliana ha detto...

mamma mia, deve essere di un buono, soprattutto in serate di nebbia fitta come questa...

ciao Isolina, bentornata!!!

un bacio lieve

Giuli.


P.S.Mi metto qui buona buona e aspetto un réportage per immagini di tutte le meraviglie che hai visto....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...