domenica 14 giugno 2009

Torta di ciliegie rovesciata con il muscovado












Da Artemisia.

Una teglia di 22cm, bordi alti, rivestita di carta da forno.

Sul fondo una noce di burro sciolta su fuoco basso, poi un paio di cucchiaiate di muscovado da far sciogliere e caramellare (lo zucchero scuro è molto veloce in questo).

Mettere sullo zucchero caramellato 700g di ciliegie snocciolate, belle fitte e pressate.

Sciogliere 130g di burro e farlo intiepidire.

Montare 130g di zucchero muscovado con 3 uova mettendo tutto nel robot, poi aggiungere il burro, 230g di farina00, ½ bustina di lievito per dolci, un pizzico di sale, un cucchiaino di zenzero in polvere. Si otterrà un impasto molto caramella mou, che verserete sulle ciliegie.

Forno a temperatura moderata, già caldo, 180°, per 35/40’. Fare la prova dello stecchino.

Sformare dopo una decina di minuti.




Questa ricetta trasforma il moscovado cake di Elisabetta.

30 commenti:

astrofiammante ha detto...

deve essere davvero profumato e buono!!

annamaria ha detto...

Ma dove lo trovi lo zucchero muscovado?

Caty ha detto...

molto buona!! e poi la torta rovesciata mi mette sempre allegria , è un po' come guardare il mondo alla rovescia!

Duck ha detto...

cara artemisia,
che brutto essere rimproverata! ho spiegato i perché e i per come della mia 'mancanza' nel mio commento di risposta. spero di venire presto perdonata... :-)

(bella questa torta alle ciliegie! l'avessi postata due giorni fa avrei avuto una bella idea per 'smaltire' parte dei due chili di ciliegie che mi sono ritrovata in casa! mi sono limitata a mangiarle, nature... buonissime)

marzia ha detto...

non so se ce ne sono ancora, sono maturate tutte troppo in fretta, con questo caldo! se ci sono, visto che la mamma oggi accende la stufa per fare la marmellata di ribes... magari la faccio (però uso "normale" zucchero di canna)

daniela ha detto...

ma dove sono stata fino a questo momento?
vorrei proprio saperlo, per essermi persa un posto così!
i tuoi dolci sono incantevoli, davvero.
uno più bello e godurioso dell'altro.
e poi tutti questi fiori e disegni ovunque...
grazie per aver lasciato una traccia da te, così ho potuto seguirti e scoprirti.

A presto

ps. in un batter di ciglia sei nella mia bloglist :)

Daphne ha detto...

WAAAAUUUU...questa torta è troppo bella :O ..chissà che buona! Per me ha qualche ingrediente no causa intolleranze O_o ..però me la gusto così soltanto a guardarla :D in attesa di una rivisitazione ^_^
GNAM!

Ciboulette ha detto...

Che bello il colore di questo dolce, ora che ho fatto anche io un dolce con le ciliegie (anche se le mie erano piu' bianche che rosse) mi sento lanciata :))

A farci un dolce rovesciato non ci avrei mai e poi mai pensato :)

Lydia ha detto...

Il dolce rovesciato con le ciliegie, che grande idea!!

la frenk ha detto...

mi devo sbrigare, mi devo sbrigare che poi le ciliegie finiscono!!!

Mammazan ha detto...

Questa non è una torta ma una "signora Torta"
Chapeau !!!
Baci

Elga ha detto...

Fai conto che praticamente è già adottata questa ricetta, semplicemente irresistibile!

Mercè ha detto...

Quante foto di begli fiori e quante buone ricette hai pubblicato in questi giorni che non ho passeggiato per internet.
Proverò di fare quella di ciliegie con albicocche.

Artemisia Comina ha detto...

@ astro, interessanti quelle ciliegie sott'aceto. ne avremo abbastanza per fare tutto quello che vogliamo, prima che finiscano?

@ annamaria, moscovado e panela: scurissimi, profumati. qui a roma si trovano, sia qui vicino casa da innocenzi a piazza san cosimato, che a san lorenzo, in un negozietto equo solidale che ha molti tipi di zucchero, che dal solito san castroni che ha quasi tutto. se tu non lo trovi, io posso spedirtelo :))

Artemisia Comina ha detto...

caty, mi fa pensare alla foto di francesca - nina, hai presente? quella bella foto capovolta dove un lui disegna una lei sulla sabbia.. le cose capovolte turbano seducentemente, fanno anche pensare al mondo capovolto del medio evo.

Artemisia Comina ha detto...

cuck, sul rimprovero abbiamo già fatto due chiacchiere :DD

sui due chili, non può che esserci postuma invidia.

Artemisia Comina ha detto...

daniela, che bell'arrivo festoso, una rosa e una fetta di torta per te, ecco.

quando ho scoperto il tuo blog, mi sono detta le stesse cose, e ho fatto la stessa cosa :))

Artemisia Comina ha detto...

marzia, quella stufa continua a sedurmi.

i mazzetti di fiori capovolti in soffitta sono aumentati?

PS: ho fatto la marmellata di more di gelso.

Artemisia Comina ha detto...

daphne, che piacere vederti da queste parti. glutine? purtroppo non sono preparata... potrebbe aiutarci francresca-nina, mi sbaglio o ci siamo "viste" da lei?

Artemisia Comina ha detto...

ciboulette e lydia, volevo un dolce dove masticare rubini, e così mi è venuta l'idea :DD

Artemisia Comina ha detto...

la frenk, è il mio STESSO sentimento!

Artemisia Comina ha detto...

@ mammazan, sì, però, niente amarene per me :((((

@ elga, cosa hai fatto con le ciliegie? vengo a trovarti.

@ mercè, ciliegie e albicocche, le mie amate di questa stagione, e per colore, e per gusto, e per forma.

marzia ha detto...

la torta l'ho fatta, solo che le ciliegie erano già un po' troppo mature... comunque è buonissima. la mamma trova che sappia "un po' troppo di uovo", a me non sembra.
ho messo zenzero fresco grattugiato invece di quello in polvere.

mazzolini? sì, tanti. lavanda, elicriso, santolina... ma poi non ho più avuto tempo di tagliare altri fiori

Artemisia Comina ha detto...

marzia, mi devo ricordare di dire a mia cognata di cogliere mazzolini di fiori di tiglio!!!!! me lo devo ricordare!!!

lo zenzero fresco, ancora meglio.

manu' ha detto...

Ciao Arte,da giorni avevo in mente di rifare questa tua torta,ce l'ho scritta su un diarietto viaggiante,tra le ricette preferite.Due anni fa mi era piaciuta molto!!Oggi l'ho fatta utilizzando farina di grano saraceno.In questo momento e' in forno:incrocio tutto quello che ho a disposizione.Quest'anno ho usato lo strumento snocciolatore,ma che senso!!!!mi sembrava di essere un dentista rovistando in una bocca,l'operazione non e' stata tra le piu' serene,ho anche schizzato mezzo muro..heheh!!!Ti faccio sapere!!!grazie

manu' ha detto...

ahhhhhh!!e' venuta!!bella e buona!!!

artemisia comina ha detto...

Manù grazie mille, questi sono i messaggi che consolano: la torta a cui hai dato gambe cammina e appare, dorata e rubinosa, in altri forni, su altre tavole. la sinistra storia dello snocciolatore mi evoca romanzi: ne ho avuto più di uno, e ciascuno si comporta a suo modo. lo snocciolatore perfetto c'è, ma non sai quale è; io lo ho avuto, si è rotto e ancora lo piango, i nuovi, chi è storto, chi spruzza di sangue tutta la cucina. il perfetto toglieva il nocciolo come se nulla fosse, ma forse non lo incontrerò più nella vita.

manu' ha detto...

Cavolo,sai che non avevo pensato ci potesse essere lo snocciolatore perfetto?!In effetti andando a controllare il mio,che e' uno da supermercato con impugnatura di plastica,ho notato che il cilindretto espelli nocciolo e' molto piccolo di diametro,anche rispetto al buco del porta ciliegia!da qui la brutta sensazione di rovistatore di bocche e lo spruzzamento feroce!!Ci vuole un occhio piu' attento!!!!Grazie Arte!!

P.S:ho usato lo zucchero Dulcita,sempre di canna e sempre del commercio equo e solidale ma non sono riuscita a farlo caramellare,mi ricordo che col mascobado veniva a torta finita un bello strato che compensava l'acidita' e l'acquosita' delle ciliegie...

artemisia comina ha detto...

non conosco dulcita...moscovado (o come altro si trascrive) o panela sono magnifici.

manu' ha detto...

Ciao Arte mi è appena arrivata una borsa di ciliegie raccolte con amore dal mio babbo,il tempo non si presta a camminate,ho una voglia di rifare questa torta!!e coincidenza vuole che nella dispensa ci sia della panella!! ahhhh,operazione massacro ciliegie! ^V^ ti faccio sapere gli sviluppi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...