domenica 10 maggio 2009

Frullato di albicocche secche e composta di mandarini


Artemisia aveva 10 albicocche secche bio, e voleva frullarle via. Il senso metaforico è diventato reale, perché era pure interessata ai frullati con la frutta secca; inoltre 10 mandarini, poco tempo fa, gli ultimi, pelati e divisi in spicchi, con l’aggiunta di 100g di zucchero, 10’ di cottura e una passata al passaverdure erano diventati un’ottima composta. Le albicocche e la composta si guardavano languidamente; Artemisia ha favorito l’incontro.

10 albicocche secche, due cucchiai di composta di mandarini, 170g di yogurt greco intero, 200g di latte.

Verrà un frullato assai denso e cremoso, con un'aria nutriente, di quelli da prima colazione prima di una giornata nei campi a zappare, molto gustoso; se si vuole alleggerirne la densità e abbandonare il cucchiaino, aggiungere altri 100g di latte.


4 commenti:

fedeccino ha detto...

Interessante questa serie sui frullati. Oltre al gusto, ed al piacere, probabilmente conosci gia' una caratteristica che il mio osteopata-sciamano ha messo in luce: il fatto di frullare e sminuzzare le fibre di frutta e verdure dovrebbe rendere questi alimenti digeribili anche per chi soffre - per esempio - di diverticolite (la mia mamma, che adora le verdure e non le puo' quasi piu' mangiare).
Ciao :)

Barbara ha detto...

Hai avuto davvero un'ottima intuizione: ho anch'io un po' di albicocche secche, pensavo di sminuzzarle in un plum cake, ora invece so come le utilizzerò! Grazie e buona domenica!

a.o. ha detto...

con la frutta secca, eh?
da provare :)

Artemisia Comina ha detto...

@ fede, non so, non ho approfondito gli aspetti salutistici, ma penso che potrebbe essere, mi piacerebbe, per la tua mamma :)

@ barbara, ciao, spero venga bene!

@ eh sì, aiuolina, sono in treno di frullar di tutto :DDD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...