venerdì 13 giugno 2008

Ratafià triestino della zia Erminia, con noccioli di pesche



da Cucurbita Serenissima.

Levare le mandorle da mezzo kg. di pesche e metterle in infusione per 40 giorni in 3/8 di alcool.

Colare l'infusione ed unire 500g di zucchero sciolto in 1/2litro d' acqua.

Lasciar riposare per 24 ore, poi filtrare.


2 commenti:

Mercê ha detto...

Noialtri a la Catalogna ,abbiamo un liquori che si chiama ratafia.
E fatto con nocci verdi e con herbe aromatique chi si raccolgonno al pomerìggio dal 23 di giugno ,che è la notte piu magica dal anno ,e fa il licquori piu buòno.

Artemisia Comina ha detto...

Cara Mercè, stessa tradizione in Italia; guarda più sotto, Ratafià di ciliegie :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...