martedì 23 ottobre 2007

Pollo con le prugne nel wok




di Artemisia Comina.

Ho una sorta di smania di prugne; il colore viola, la nebbia umida che le avvolge, l'estate che ancora portano con sè e che svanisce con loro, l'acidulo, il croccantino. In un desiderio di sosta di dolci, ho pensato e provato un piatto con la carne.

Tanto per cominciare, ho usato un wok di ghisa, che amo per forma, colore, funzioni.

Poi ho ridotto una piccola cipolla rossa e uno spicchio d'aglio a fettine sottili, ho sbriciolato un peperoncino piccante secco (anche fresco ci starebbe bene), ho scaldato tre cucchiaiate d'olio d'oliva e.v. e ho li ho fatti appassire.

Ho aggiunto mezzo petto di pollo tagliato alla julienne (i filetti così ottenuti erano stati fatti marinare per qualche ora in: quattro cucchiai di salsa di soia, pepe nero macinato fresco, quattro cucchiai di olio di oliva e.v., due cucchiaini di miele di castagno), e l'ho fatto dorare.

Volto lo sguardo allo scaffale, ho acchiappato una bottiglia e versato sul tutto, che stava asciugandosi, un sorso abbondante di liquore di erba luisa, e l'ho fatto sfumare.

A questo punto mi sono tolta la soddisfazione di aggiungere sette prugne viola dalla polpa croccante, tagliate a fettine.

Un'altra occhiata allo scaffale, e giù un bel pizzico di ajwain (ha una sorta di sapore di timo) e uno sale.

Far cuocere finché il pollo non è cotto e le prugne alquanto ammorbidite; se è necessario, aggiungere un goccio d'acqua durante la cottura: il piatto non deve essere secco.

Servire con del riso basmati bollito.

PS: notate il magnifico sito da cui ho preso notizie sull'ajwain.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...