lunedì 3 dicembre 2007

Crema di zucca gratinata


Courtine dà un'ottima ricetta di zuppa di cipolle; Artemisia Comina ne fa la versione con la zucca. Courtine usa il groviera, Artemisia non vede perchè non metterci il grana.

Per 6 persone.

Soffriggere dolcemente in un cucchiaio di strutto 500g di zucca a pasta dura, tipo barucca, a fettine. Spolverizzare con un cucchiaio di farina.

Quando il composto é rosolato, bagnarlo con un litro di brodo di carne. Sale e pepe, cuocere per 30'.

Passare al setaccio (ovvero, in più moderne cucine: una bella frullata con il minipimer).

Far dorare nel burro delle fette sottili di pane casereccio raffermo.

In delle ciotole individuali da forno, versare sul fondo un sorso di Madera.

Fare strati di fette di pane alternate con grana grattugiato. Terminare col grana.

Versare il brodo nelle ciotole e passare nel forno (220°) a gratinare.


Nel menu di Dicembre 2008. Un rapido menu di lavoro

Nel menu di Marzo 1991. Sul tavolo tre camelie rosa scuro, intorno tre primedonne 

Nel menu di Dicembre 1988. L'ultimo dell'anno

***

Crema speziata di zucca e cipolla rossa. 

Ho anche provato una combinazione zucca cipolla:

La procedura è la stessa della crema di zucca, solo che si mettono anche cipolle, e non si usa Madera, ma varie spezie.

Avevo una penultima zucca, una piccola butternut. Mettendola insieme a quattro cipolle rosse e al brodo del bollito, ho ottenuto una crema che, già resa piccante dal peperoncino, è stata speziata con macis, grani del paradiso, pimento. Quindi è stata gratinata con parmigiano e crostini di pane ai cereali.

Nel menu di Marzo 2007. Il menu con la brovada 

***

Aggiornamento Febbraio 2018

Questa zuppa è buonissima.  La rifaccio con del Porto (questo passava il convento).

Nel menu di Febbraio 2018. Uno spuntino antropologico.


7 commenti:

la belle auberge ha detto...

anche le ciotole con impugnature leonine, nella ben fornita credenza, eh? Com'è l'incontro tra il Madera e la crema di zucca?

Artemisia Comina ha detto...

ottimo incontro :)

la belle auberge ha detto...

ovviamente non ricordavo di avertela gia' commentata, ma questa zuppa dal carattere schiettamente francese - dato l'uso di burro e di strutto - credo proprio la mettero' in progrtamma, sempre che si decida a fare freddo.

artemisia comina ha detto...

auguri EU :)

Pellegrina ha detto...

E anche questa va a genio. Cosa sono i grani del paradiso?

Pellegrina ha detto...

Dunque: c'era in frigo una fetta di zucca, nel freezer un mezzo panetto di strutto da tempo in cerca di risposte sul senso della sua esistenza, poi un resto di brodo di pollo e uno strascico di raffreddore. Così ho provato la versione sola zucca: ora ci sono un paio di recipienti puliti in lavastoviglie. Sedottissima. Diventerà un appuntamento fisso dei prossimi inverni...

Pellegrina ha detto...

Dimenticavo: con in testa le pallottole della mirabile zuppa ultima pubblicata e che non farò mai, perché appartiene alla categoria delle cose che si ereditano, ho aggiunto un po' di cannella nella padella dove si dorano le fette. Insieme al Porto a me è piaciuta.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...